Milano fashion week F/W 2017

La settimana della moda di Milano, istituita nel 1958, è, insieme alle fashion week di New York, Londra e Parigi, l’avvenimento più atteso dagli appassionati del settore.

Dolce & Gabbana

Dal 22 al 27 febbraio si sono susseguite 70 passerelle, 174 collezioni, 88 presentazioni e 37 eventi, al termine della Settimana si è celebrata una messa in ricordo di Franca Sozzani, indimenticabile direttrice di Vogue Italia scomparsa lo scorso 22 dicembre.

Franca Sozzani

Milano è rinata

Per seguire tali eventi sono arrivati 15 mila turisti e appassionati da tutto il mondo (soprattutto cinesi e giapponesi), con un indotto per la città meneghina di 30 milioni di Euro.

Prada

Una moda che non raggiunge le strade non è moda. Coco Chanel

Le collezioni autunno-inverno presentate durante la rassegna hanno puntato ad un basso profilo per cogliere in toto le volontà degli acquirenti odierni: spendere poco, indossare capi semplici, intercambiabili e adattabili a più occasioni.

Armani

Sulle passerelle sono state presentate collezioni che hanno eliminato gli eccessi a cui siamo stati abituati negli anni passati per optare a tessuti genuini, quali il lamé, abbinati a qualche accessorio vivace e sfizioso.

Déjà vu

Guardando i vestiti si ha l’impressione che gli stilisti si siano ispirati alle loro collezioni passate, riprendendole senza voler cambiare molto, ma razionalizzando materiali e stili.

Mila Schon

Italianità come creatività

Ecco il brillante bilancio fatto da Maria Teresa Veneziani sulle pagine del Corriere della sera “Gucci di Alessandro Michele è il marchio che ha rivoluzionato lo stile degli ultimi tempi a cui tutti fanno riferimento (fast fashion in testa). Elogiata anche Miuccia Prada per la sua bella collezione «antidoto ai cicli insostenibili del consumismo». E qui abbiamo anche Donatella Versace, che ha fatto sfilare le sue donne sulla parola «Uguaglianza». E poi Fendi, Ferragamo che ha rinfrescato la sua immagine e re Giorgio”.

Versace

O si è un’opera d’arte o la si indossa. Oscar Wilde

Gucci

A cose grandi, belle e giuste!