Intervista a Antonio Razzi

Antonio Razzi è Senatore della Repubblica, Cavaliere dell’ordine del Merito della Repubblica Italiana e Segretario della Commissione Affari Esteri; in passato è stato, per due mandati consecutivi, Deputato alla Camera, consigliere del Ministero dell’Agricoltura, membro delle commissioni per le politiche europee e per l’infanzia e Presidente del Centro regionale abruzzese di Lucerna

Antonio Razzi

A soli 17 anni lascia la sua terra d’origine, l’Abruzzo, per emigrare a Emmen nel cantone svizzero di Lucerna, dove lavora per una ditta tessile e prende il diploma da studente lavoratore.

In Svizzera conosce e si innamora di Maria Jesús Fernàndez con cui si sposa nel 1974 e dalla quale ha due figli.

Il Made in Italy è originale, unico, innovativo.

Sorriso aperto e abiti sobri ed eleganti; indossa sempre giacca e cravatta, tanto da autodefinirsi “cravattaro”. La camicia è sempre bianca o azzurra, perfetta nella stiratura e nello stile. Immancabile nel taschino della giacca la pochette.

Ecco l’intervista esclusiva concessa dal Senatore Antonio Razzi a Mademoiuseau.it

Senatore Razzi, come e quando ha iniziato a interessarsi di politica e quali difficoltà ha incontrato?

In realtà da sempre, ma in Svizzera ho capito l’importanza delle relazioni tra connazionali emigrati. La difficoltà principale è comunicare. Comunicare con l’elettorato e con i colleghi.

Antonio Razzi

Quali sono le qualità che deve avere un politico?

In primo luogo è importante l’onestà, poi di resistere alla tentazione di essere in una eterna campagna elettorale.

Se vuoi essere creduto
sii onesto.
Se vuoi essere onesto
sii sincero.
Se vuoi essere sincero
sii te stesso.

Anonimo

Lei è un politico e al contempo una persona positiva e gioviale, non si sente diverso dalla gran parte dei colleghi che sono spesso nervosi e conflittuali?

Sono diverso dalla quasi totalità dei miei colleghi per il semplice fatto di essere una persona, un marito ed un padre. Vado a fare la spesa ed esco con le buste che carico in macchina. Non vedo fare le stesse cose semplici ai miei colleghi. La gente me lo dice e me lo fa sapere. Mi fa sapere che apprezza il fatto che parlo con tutti e vado al bar con gli amici.

Antonio Razzi

Oltre che parlamentare è un personaggio mediatico molto conosciuto, le dà fastidio?

No, affatto. Sono uno che ha sempre detto che il Signore ci ha dato la parola proprio per questo. Come fai a mediare se non usi il linguaggio? Io parlo e mi esprimo sempre.

Sono diverso dalla quasi totalità dei miei colleghi per il semplice fatto di essere una persona, un marito ed un padre.

Tra i tanti incarichi che ha ricoperto quale è stato quello che le ha dato maggiori soddisfazioni?

Capo squadra in fabbrica quando lavoravo in Svizzera. Ero molto autorevole e per niente autoritario. Mi rispettavano tutti e mi serviva poco per risolvere qualsiasi conflitto. Sì, in fabbrica perché da operaio semplice ricevevo per la prima volta in vita mia i galloni di capo.

Antonio Razzi

Il settore della moda rappresenta un quinto del prodotto interno lordo, quali sono le iniziative per sostenere questo pilastro dell’economia?

Continuare ad essere creativi. Lo stile italiano non teme i mercati.

La vediamo sempre elegantissimo, un politico deve essere attento alla moda?

Un politico deve indossare sempre la cravatta. 

Antonio Razzi

Ha notato che un peggioramento nel modo di vestire dei politici?

Non proprio. Il peggioramento che noto è nelle pance sempre più gonfie.

Un politico deve indossare sempre la cravatta. 

Il politico (oltre a Lei) e la politica più eleganti?

Me stesso allo specchio. Dei colleghi non dico, mi dispiacerebbe offendere qualcuno.

Tre parole per descrivere il Made in Italy nel campo della moda?

Originale, unico, innovativo.

Una donna deve essere affascinante senza saperlo.

La casa di moda che preferisce?

No comment. Non è coretto fare pubblicità in questa sede.

Antonio Razzi

Cosa non può mancare nel guardaroba di un uomo per conquistare una donna?

Un abito di fresco lana blu notte.

Ha avuto più di mille relazioni prima di sposarsi, che qualità deve avere una donna affascinante?

Essere affascinante senza saperlo.

Credits: Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Senatore Razzi, si volti indietro, cosa vede?

Tanti colleghi, tanti, peggiori di me.

In primo luogo è importante l’onestà, poi di resistere alla tentazione di essere in una eterna campagna elettorale.

Senatore Razzi, si volti indietro, cosa vede?

Invecchiare serenamente ed in salute con mia moglie vedendo crescere i nipoti.

Antonio Razzi

Ringrazio Antonio Razzi per l’intervista concessa a Mademoiseau.it e gli auguro buon lavoro all’interno delle Istituzioni.

Seguite Mademoiseau anche su Facebook, Instagram e Twitter.

A cose grandi, belle e giuste!